Alla scoperta dei luoghi dove nasce il vino di Porto.

L’impressionante paesaggio culturale del Douro, la prima regione vinicola al mondo ad avere riconoscimento ufficiale nel 1756, e dichiarata Patrimonio Mondiale dell’Umanità nel 2001, è frutto del lavoro secolare degli uomini.

Associação de Turismo Porto CC BY-NC-SA

Associação de Turismo Porto CC BY-NC-SA

Associação de Turismo Porto CC BY-NC-SA

 
 
 

Tra Barqueiros e Barca dAlva, le rive a strapiombo del fiume si trasformano in terrazzamenti per piantare la vite che darà origine al famoso vino di Porto.

Il titolo conferito dal Marchese di Pombal alla regione nel secolo XVIII è stata la ricompensa per secoli di lavoro per rimuovere gli strati massicci di scisto e per costruire i muri di contenimento e i terrazzamenti per piantare le viti.

Perché andare

  • Ristoranti
  • Patrimonio naturale
  • Patrimonio storico
  • Gastronomia e vini
  • Paesaggio naturale
  • Birdwatching

Il Douro offre un paesaggio unico al mondo, ma anche esperienze singolari, dalle cantine trasformate in hotel alla gastronomia ricca e sostanziosa, passando ovviamente dai vini: oltre al vino di Porto, val la pena provare i vini DOC Douro, i moscatelli e gli spumanti.

Questa regione vi aspetta a braccia aperte, sia che veniate in auto, in barca, in treno o in elicottero!

Via terra, via fiume o via cielo

Seguire il corso del fiume in macchina lungo le strade sinuose che accompagnano il corso del Douro è senza dubbio un buon modo per entrare nella regione. Dovete però farlo concedendovi il tempo necessario, non soltanto per poter apprezzare questo paesaggio unico al mondo, ma anche per poter fare sosta nei punti panoramici e visitare le cascine e le cantine.

A Alijó, per esempio, vicino a Pinhão -dove non potete farvi sfuggire lantica stazione ferroviaria, trasformata in una wine house salite al Miradouro (Belvedere) di Casal de Loivos e godete della vista mozzafiato, che si estende fino alla Serra di Marão.

Ti piacerà

  • Visitare la stazione ferroviaria di Pinhão, uno degli edifici più rappresentativi dellAlto Douro vinicolo, trasformato in una whine house, che esibisce al suo esterno 25 pannelli di azulejos raffiguranti scene di vita rurale
  • ​Visitare il comune di Ermelo e fare il bagno nelle impressionanti cascate di Fisgas do Ermelo, nell Alvão.
  • La gastronomia e i vini del Douro.

Se preferite il treno, concedetevi un viaggio nella storia in locomotive degli inizi del XX secolo. La linea del Douro ha circa 200 Km e, in una parte del tragitto, passa molto vicino al fiume. Approfittate della sosta nella stazione di Pinhão per comprare vini e specialità della regione e ammirate le fantastiche composizioni di azulejos rappresentanti scene della vita rurale allesterno delledificio.

E, se un tempo si trasportava lungo il fiume il vino di Porto, oggigiorno le imbarcazioni risalgono il Douro e attraccano sulle sue rive per far conoscere ai visitatori le ricchezze del luogo.

Le barche che risalgono il fiume Douro partono da Porto, più precisamente dalla banchina di Gaia (Cais de Gaia), nei pressi del ponte D.Luis I, e costano tra i 60 euro (un giorno) e 1000 euro (8 giorni, in imbarcazioni-hotel).

Avendo meno tempo a disposizione, ma in un modo certamente più originale, potrete sorvolare il Douro in elicottero. Partendo da Porto, il viaggio include un pranzo appetitoso a metà strada, con vista sul fiume.

Cosa fare

  • A febbraio e marzo, percorrete litinerario dei mandorli, un percorso in treno tra Porto e Pocinho, al quale si aggiungono tre possibili percorsi su strada, per vedere i prati fioriti di bianco e rosa.
  • Risalite il fiume Douro in unimbarcazione-hotel. Imbarcatevi a Porto.
  • Viaggiate fino al Douro in uno storico treno a vapore, una locomotiva con cinque carrozze che parte dalla stazione di Régua fino a quella di Tua, per farvi fare un indimenticabile viaggio nel passato. Disponibile soltanto tra luglio e ottobre.
  • Noleggiate un elicottero per un breve giro di mezzora, partendo da Porto. Calcolate di spendere circa 500 euro e sappiate che potete noleggiarlo per un massimo di 5 persone.
  • Partecipate alle diverse attività organizzate nel periodo di vendemmia, tra settembre e ottobre.

Douro al microscopio

I grandi itinerari come i percorsi del vino di Porto, delle vigne di Cister e dellolio, dei comuni viticoli o il Cammino di Santiago sono unalternativa interessante e genuina allofferta turistica tradizionale e massificata e vi permetteranno di conoscere la storia dei vini di questa bellissima e prestigiosa regione.

Il percorso del vino di Porto vi porterà in un viaggio di scoperta attraverso una miriade di punti di interesse localizzati nella “Regione Doc” del Douro e nelle province vicine che, direttamente o indirettamente, sono relazionate con la cultura vitivinicola.

Sono più di 70 gli esercenti aderenti, tra ristoranti tipici, lussuosi hotel o agriturismi tipici con cantine e sale di degustazione, siti archeologici di arte rupestre, viaggi in treno e in barca e associazioni di enoturismo in cui i visitatori sono invitati a partecipare alla vendemmia.

Cosa devi sapere

  • Chiedete ulteriori informazioni sul percorso del vino di Porto allIstituto del vino di Porto a Peso da Régua, o negli uffici turistici della regione.
  • ​Nel Douro, soprattutto nei territori del Douro Superiore, le temperature sono estreme: in estate superano facilmente i 40 ° C; in inverno si registrano frequentemente temperature sotto lo zero.
  • Nel Douro cè una grande offerta di associazioni di enoturismo e turismo rurale.

Natura

I parchi naturali dell Alvão e del Douro Internacional sono altri punti di interesse da non perdere, sia per la bellezza del paesaggio e la diversità esistente, sia per la possibilità di praticarvi diverse attività allaria aperta.

Il Parco naturali dellAlvão è stato creato nel 1983, e comprende unarea di 7200 ettari di montagna solcata da corsi dacqua, nelle strette vicinanze della Serra do Marão. È un rifugio privilegiato per molti animali dove potrete avvistare il lupo iberico, la talpa dacqua (desman pirenaico), il falco pellegrino, il gatto selvatico e, con un pizzico di fortuna, laquila reale. Con un rilievo movimentato di struttura granitica, questo parco si distingue anche per la diversità della flora. NellAlvão, non perdetevi il comune di Ermelo e le impressionanti cascate di Fisgas do Ermelo.

Il Parco Naturale del Douro Internacional è uno dei più recenti parchi naturali del paese, essendo stato istituito solo nel 1998. Occupa unarea di 85.150 ettari ed ha due altipiani, uno a nord e uno a sud, dove il fiume Douro e il fiume Águeda hanno scavato, nel corso dei tempi, canyon granitici profondi con scarpate scoscese, alcune delle quali raggiungono i 200 metri di altezza.

Val la pena visitare laltopiano di Miranda, la valle della Ribeira do Mosteiro, a Freixo de Espada à Cinta, la laguna di Santa Maria de Aguiar, a Figueira de Castelo Rodrigo.

In questo parco, potrete ammirare aquile reali, cicogne nere, gracchi corallini, lupi, cinghiali, passeri solitari, capovacci, grifoni, svassi maggiori e gatti selvatici. La flora è altrettanto diversificata.

Nel Douro, la gastronomia è allaltezza dei vini. Lasciatevi tentare dagli insaccati, dai formaggi di mucca o di pecora, dal proscutto e dalla famosa bôla de Lamego. Deliziate il palato con un capretto al forno con riso e patate, uno stufato dagnello, dei pescetti di fiume, anguille, e una caldeirada de Eirós. Ce ne sarebbero altri, ma è solo perfarvi venire lacquolina in bocca... E i dessert? La lista è lunga, ma ricordatevi il nome di queste leccornie: milhos doces (mais dolce), bolinhos de azeite (biscotti allolio doliva), cavacas, biscoito da Teixeira e pastéis de Santa Clara.

Come arrivare

Per raggiungere Porto ci sono voli low cost da Milano (Orio al Serio), Roma e Bologna; e poi dalle principali città e capitali europee: Londra (Stansted e Gatwick), Parigi (Beauvais, Orly, Vatry e Charles de Gaulle), Marsiglia, Lilla, Tours, St. Etienne, Bordeaux, Lione, Tolosa, Madrid, Barcellona El Prat, Tenerife, Valencia e Palma di Maiorca.

Soltanto in estate, vi sono voli low cost anche da Liverpool, Las Palmas, Carcassona, Rodi e Nantes.

A prezzi normali, vi sono collegamenti aerei a partire da Londra Gatwick, Madrid, Barcellona e Parigi Orly.

Dallaeroporto Internazionale Francisco Sá Carneiro, la metropolitana è il miglior modo di raggiungere il centro città. Il viaggio dura poco meno di 30 minuti.

Per raggiungere il Douro, seguite la strada nazionale 108 fino ad Entre-os-Rios e continuate lungo la riva del Douro fino a Régua; in alternativa potete prendere la IP4, che collega le province di Porto, Vila Real e Bragança, e continuare poi su strade nazionali e comunali.

Be inspired

Choose your journey, find new places, have some fun and create memories for a lifetime.

Maggiori informazioni

Articoli correlati

In Douro and Porto Wine Route

Maggiori informazioni

Cister Vineyard Route

Maggiori informazioni

Douro among the best wine destinations in the world

Maggiori informazioni