Douro Meraviglioso

Così come il paesaggio del Douro, anche il patrimonio storico-architettonico della prima regione DOC del mondo è un mosaico di contrasti: piccoli eremi accanto a grandi chiese ed imponenti monasteri.  

Associação de Turismo do Porto CC BY-NC-SA

Associação de Turismo do Porto CC BY-NC-SA

Associação de Turismo do Porto CC BY-NC-SA

 
 
 

I monasteri, le chiese, le cattedrali, i santuari e i centri storici dei comuni vinicoli lasciano stupefatti e incantano chiunque per la loro imponenza, ma anche per la loro bellezza e creatività.

Perché andare

  • Per il patrimonio culturale
  • Per la storia
  • Per il patrimonio religioso.
  • Per la gastronomia e i vini

 

Siete incuriositi? Prendetevi almeno due giorni e percorrete litinerario del Douro meraviglioso. Il percorso include monumenti di epoche diverse e diversi stili architettonici che si sovrappongono luno allaltro in mezzo ai terrazzamenti coltivati a vite. Costruzioni monumentali -dalle Fragas di Panóias al Monastero e alla Chiesa di S. João de Tarouca, passando dalla Cattedrale (Sé) di Lamego- in gran parte classificate monumenti nazionali o di interesse pubblico, dotati di un valore spirituali, popolare e materiale.

Litinerario comincia nella provincia di Vila Real, a Fraga di Panóias, monumento nazionale, santuario pagano del III sec. dedicato a Serapide. Il luogo, destinato al culto di divinità indigene, orientali e romane, è uno dei gioielli dellarcheologia portoghese. Informatevi ulteriormente sui rituali di altri tempi.

Se ne avete lopportunità, provate la gastronomia di Vila Real: le prelibatezze più apprezzate sono il vitello alla “maronesa”, il capretto al forno, la trippa in salsa, i “covilhetes”, il ginocchio di maiale, gli insaccati, i dolci conventuali “cristas de galo” e “pitos de Santa Luzia”.

Cosa devi sapere

  • Il sito archeologico e il connesso centro studi e attività di Fragas de Panóias restano chiusi il lunedì (tutto il giorno) e il martedì mattina.
  • La cattedrale di Lamego è aperta alle visite ogni giorno, dalle 8 alle 19.
  • La cattedrale di Lamego è inserita anche in altri itinerari: quello del vino di Porto, delle vigne di Cister, dellolio doliva, nei percorsi medievali nel Douro sud e nel Cammino di Santiago.
  • A Moimenta da Beira, la festa di S.Giovanni si celebra il 24 di giugno, come a Porto e Braga.
  • In estate, quasi tutte le settimane cè una festa dedicata al patrono cittadino o comunale.

A Lamego

Proseguite verso sud, attraversando il fiume Douro. A Lamego, visitate la monumentale cattedrale (Sé). Una volta entrati, osservate il bellissimo soffitto affrescato da Nicolò Nasoni. Salite fino alla Chiesa di Santa Maria di Almocave, di fronte al Palazzo Episcopale della Diocesi di Lamego, ed entrate nelle stanze dove si è riunita per la prima volta la corte del Regno di Portogallo.

Sempre a Lamego, val la pena visitare la cappella di San Pietro di Balsemão un esemplare raro di architettura dellalto Medioevo portoghese, che custodisce un magnifico patrimonio- e il convento di SantAntonio di Ferreirim. Allinterno di questa costruzione in stile manuelino-rinascimentale, osservate il tabernacolo degli inizi del sedicesimo secolo, della scuola dei cosiddetti “Maestri di Ferrerim”, e la torre medievale.

Se vi fermate a pranzo o a cena in città, assaggiate il prosciutto, le “bolas” (pane con ripieno di carne), gli insaccati, il capretto al forno e la lepre. Accompagnate i pasti con vini del Douro e, per finire, dolci tipici del luogo. Deliziate il palato con le “guídinhas”, le “barquinhas de Santa Clara”, i “Lamegos”, le “gradinhas” e i “peixinhos de chila”.

Nei comuni vinicoli

Raggiungete il comune vinicolo di Ucanha, nella provincia di Tarouca, e visitate la chiesa parrocchiale. La pala dellaltare e i soffitti sono magnifici e non si possono mancare. Vi sono poi altri luoghi ancora che meritano una visita: il centro storico, il ponte fortificato e le cantine della Murganheira.

Ti piacerà

  • Conoscere la simpatica città di Chaves e il suo ricco patrimonio.
  • Visitare Miranda do Douro, conosciuta per il suo folclore colorato e animato, nel quale spiccano i “Pauliteiros”, e per il mirandese, una lingua che si parla solo in questa region

 

Il percorso prosegue verso un altro comune viticolo, Salzedas, dove si trova il Monastero di Salzedas, uno dei maggiori monasteri cistercensi portoghesi. Nonostante sia in rovina e la facciata della chiesa sia inconclusa, ledificio racchiude un patrimonio molto interessante.

Uno dei primi monasteri costruiti dai monaci cistercensi in Portogallo è quello di São João di Tarouca. Per raggiungerlo dovrete soltanto discendere a valle il corso del fiume Varosa. È uno dei luoghi più visitati del Douro e nasconde un patrimonio veramente meraviglioso, tra cui spicca il dipinto “San Pietro”, un capolavoro attribuito al Maestro Grão Vasco.

Nella cittadina di Moimenta da Beira, visitate il Convento di Nostra Signora della Purificazione, dove un tempo le monache benedettine pregavano in clausura e dove potrete ammirare laltare principale con intarsi dorati in stile barocco.

Il monastero di Nostra Signora dellAssunzione si trova nella provincia di Sernancelhe. Si tratta dellultimo convento femminile cistercense costruito in Portogallo. Nello stesso luogo, a Tabosa frazione di Carregal-, è nato lo scrittore portoghese Aquilino Ribeiro.

Cosa fare

  • Andate alla Settimana Santa di Lamego; la città è teatro di diverse feste religiose e sagre, ma questa festività è uno dei momenti centrali del calendario religioso cittadino.
  • Visitate Torre d Moncorvo in agosto, in coincidenza con la Festa di Nostra Signora dellAssunzione (ferragosto).
  • Visitate il Museo dArte e Archeologia di Vale do Côa, inaugurato nel 2010.

Alto Douro

NellAlto Douro, val la pena visitare le chiese parrochiale di Vila Nova de Foz Côa e di Torre de Moncorvo, attraversando il Douro verso nord, a Barca dAlva.

Prossima fermata: Freixo de Espada-à-Cinta. Situata nel centro storico della città in cui è nato il grande scrittore portoghese Guerra Junqueiro, la Chiesa parrocchiale si distingue per il suo aspetto monumentale e per il portale in stile manuelino.

Miranda do Douro è il punto darrivo dellitinerario del Douro meraviglioso. Situata nel cuore del Parco Naturale del Douro Internacional, la città è conosciuta per la lingua (il mirandese), per la tradizione dei pauliteiros (danze tradizionali con bastoni), per la famosa “posta à mirandesa” e per la cattedrale. Antica sede della prima diocesi trasmontana, limponente edificio ha due enormi campanili. Allinterno della cattedrale, potrete ammirare le pale daltare dei secoli XVII e XVIII, in stile manierista, e gli scranni barocchi.

Come arrivare

Per raggiungere Porto ci sono voli low cost da Milano (Orio al Serio), Roma e Bologna; e poi dalle principali città e capitali europee: Londra (Stansted e Gatwick), Parigi (Beauvais, Orly, Vatry e Charles de Gaulle), Marsiglia, Lilla, Tours, St. Etienne, Bordeaux, Lione, Tolosa, Madrid, Barcellona El Prat, Tenerife, Valencia e Palma di Maiorca.

Soltanto in estate, vi sono voli low cost anche da Liverpool, Las Palmas, Carcassona, Rodi e Nantes.

A prezzi normali, vi sono collegamenti aerei a partire da Londra Gatwick, Madrid, Barcellona e Parigi Orly.

Dallaeroporto Internazionale Francisco Sá Carneiro, la metropolitana è il miglior modo di raggiungere il centro città. Il viaggio dura poco meno di 30 minuti.

Per raggiungere il Douro, seguite la strada nazionale 108 fino ad Entre-os-Rios e continuate lungo la riva del Douro fino a Régua; in alternativa potete prendere la IP4, che collega le province di Porto, Vila Real e Bragança, e continuare poi su strade nazionali e comunali.

Be inspired

Choose your journey, find new places, have some fun and create memories for a lifetime.

Maggiori informazioni

Articoli correlati

Douro: Valle del Tua

Maggiori informazioni

Top 10 del Douro

Maggiori informazioni

I luoghi dichiarati patrimonio dell’umanità

Maggiori informazioni

Alla scoperta dei luoghi dove nasce il vino di Porto.

Maggiori informazioni