Minho avventuroso

Il Minho ha spiagge e montagne, fiumi e mare, ed offre paesaggi straordinari con condizioni eccellenti per praticare sport estremi, fare trekking ed avere esperienze uniche ed eccezionali.

Associação de Turismo do Porto CC BY-NC-SA

Associação de Turismo do Porto CC BY-NC-SA

Associação de Turismo do Porto CC BY-NC-SA

 
 
 

La regione nasconde paesaggi ideali per vivere giorni di sport e avventura.

Dalla pratica del kitesurf e dallosservazione dei cavalli nel parco eolico di Viana do Castelo, al golf a Ponte de Lima, passando per le escursioni a piedi nella Serra de Arga, a Camniha, fino allarrampicata nella Serra da Cabreira Il Minho ha tutto quel che ci vuole per far aumentare ladrenalina a chiunque lo visiti.

In mare

Il Nord del Portogallo, con il suo mare selvaggio, ha nella pesca dalto mare, nel surf e bodyboard, le sue principali attrattive.

La frazione di Afife, a Viana do Castelo, offre spiagge rinomate per le condizioni che offrono ai surfisti e a chi pratica bodyboard. La spiaggia di Arda o di Mariana, come è chiamata dagli abitanti del posto è senza dubbio la più conosciuta, avendo già ospitato importanti competizioni in ognuno di questi sport.

Inserita nel circuito di educazione ambientale di Praial/Bico, questa spiaggia naturale ha ricevuto la Bandiera Azzurra nel 1996 ed ha venti da N/NO e O/SO, con velocità massima di 8 Km orari.

Anche se non è praticato quanto il surf o il bodyboard, anche il kitesurf comincia ad avere una certa diffusione nella costa settentrionale.

Le spiagge di Ofir, a Esposende, di Cabedelo, a Viana do Castelo, e di Moledo do Minho, sono luoghi che offrono le condizioni giuste per la pratica del kitesurf nel Minho. Proprio per questo sono punti dincontro per i kitesurfers di tutto il nord, che, con generoso senso dell ospitalità, non soltanto condividono la forza del vento con turisti desiderosi di avventura, ma prestano soccorso ai visitatori, qualora necessario. Ci sono scuole di kitesurf in ognuna delle due spiagge.

Nel fiume

Il Minho, il Lima, il Cavado, lAve e il Coura sono fiumi del Minho in cui è possibile andare a caccia o a pesca, o semplicemente discenderli a bordo di una canoa.

I più coraggiosi sono invitati a superare rapide, torrenti e acque vorticose praticando rafting.

Sfidate le acque turbolenti e le forti correnti del fiume Minho o del Tâmega luno e laltro, con le loro rive verdi e rigogliose, sono ideali per fare rafting e superate i tanti ostacoli ad una velocità allucinante.

Anche il canyoning è uno sport eccellente per chi abbia veramente il pallino della natura. Il Parco nazionale di Peneda-Gerês è una possibilità per praticare questa attività in cui i partecipanti scoprono il territorio esplorando i corsi dacqua, vincendo cascate cristalline, come nel caso del Peneda-Gerês.

Vicino a castello di Paiva, lungo un percorso di 6 Km, sentirete tutta la forza della corrente del fiume Paiva, la cattedrale degli sport estremi acquatici in Portogallo. Un paesaggio magnifico in con aironi e martin pescatori ad accompagnarvi mentre scendete il fiume.

Discendete il fiume Coura in kayak. Vi suggeriamo di farlo in estate e in una notte di luna piena. Ci sono agenzie locali che organizzano escursioni di questo tipo, per cui non avrete alcun problema, a parte quello di essere un po lunatici! Credeteci: ne val la pena, perché remare da Coura fino a raggiungere il fiume Minho, e poi la spiaggia di Camarido, è unesperienza unica.

Unalternativa è la canoa. Un tempo chiamato “Fiume delloblio”, questo corso dacqua scorre nelle riserve protette delle lagune di S. Simão e Bertiandos.

Potrete andare a pesca nei fiumi Coura, Lima, Ave, Tâmega, Minho e Cávado. In questi ultimi due, potrete pescare begli esemplari di trote e lamprede. Questi pesci fanno parte della ricchissima cultura gastronomica della regione.

Dighe e laghi sono i luoghi ideali, ovviamente nel rispetto dei confini delle zone e delle specie protette, poter incontrare anatre reali, gallinelle dacqua, folaghe, mestoloni comuni ed esemplari di anatre vedove.

Parco nazionale

Fuggite la routine, scalate una montagna o salite la cima di un monte. Percorrete i sentieri del Parco Nazionale di Peneda-Gerês e fate escursioni a piedi. Mentre vi rilassate e liberate la mente dallo stress del lavoro, potrete vedere dolmen, resti della presenza romana, cavalli selvaggi e uccelli rapaci.

Scoprite il parco seguendo il vostro ritmo. Su di un lato avete la Serra di Peneda, di Soajo e Amarela. Sullaltro la Serra di Gerês.

Il Soajo è il punto di partenza per conoscere la cultura, il patrimonio e la natura stupefacente di questarea montuosa. Lantico comune conserva un insieme di granai in pietra per conservare i cereali, un tipo di costruzione che è possibile vedere anche sul monte Lindoso, dove val la pena salire per vedere il castello che si erge sulla valle del fiume Lima.

Un po più a Nord, potrete conoscere il cane pastore di Castro Laboreiro, un animale che fa compagnia ai pastori della regione che pascolano il bestiame seguendo il corso delle stagioni.

Chi ama molto camminare non può lasciarsi scappare una visita a Pitões das Júnias, un comune dove si conservano antiche abitudini comunitarie. Val la pena fare questa passeggiata anche per le cascate e i piccoli torrenti che si incrociano lungo il sentiero, o per la sorpresa di veder comparire, nel bel mezzo del paesaggio, lantico monastero di Santa Maria.

A sud di Gerês, vicino a Vieira do Minho, potrete vivere la montagna in piena armonia ed equilibrio salendo fino alla Serra da Cabreira. Avventurarsi in questi luoghi significa attraversare massi granitici e scoprire ruscelli e rifugi di pastori. Respirate laria pura dei boschi di betulle e di alberi di antica nobiltà.

Cè dellaltro

Esplorate la Serra di Arga e percorrete parte degli antichi sentieri che i pellegrini di Dem seguivano per arrivare al monastero di S.Giovanni dArga. Percorrete il sentiero dei “300 garranos” (razza di cavalli selvatici) che attraversa la montagna e, dallEncosta do Carvalho, osservate il monte di Santa Tecla, in Spagna.

Non finite lescursione senza aver prima visitato gli atelier tradizionali, dove si tramandano le antiche tecniche di tessitura e il confezionamento di abiti da lavoratrici della Serra di Arga, i cui colori tradizionali sono nero, rosso e azzurro.

A Ponte di Lima, percorrete i diversi itinerari nellarea protetta delle lagune di Bertiandos e S. Pedro de Arcos, e concedetevi una partita a golf.

Le due lagune offrono un mosaico di habitat, da zone umide a zone secche, boschi, pascoli ed aree agricole, attraversati da canali naturali e dal fiume Estorãos.

Con una notevole originalità e diversità di paesaggi, le lagune sono anche rifugio per diverse specie faunistiche, e vi si contano quasi 80 specie vegetali considerate rare o in via di estinzione.

Il campo da golf di Ponte di Lima ha unarea di oltre 6.000 metri, dato che lo rende appetibile per i giocatori professionisti e piacevole per gli amatori. È stato aperto nel 1995, si trova a Fornelos, ed è attualmente composto da due piste da nove buche luna.

Qualunque sia la vostra scelta, vi servirà un pizzico di coraggio, un po di abilità e molta voglia di divertirsi. E non dimenticate: nella regione ci sono diverse agenzie che affittano materiale e vi danno consigli importanti su norme di sicurezza, percorsi e luoghi in cui potete praticare il vostro sport preferito.

Restate quanto volete nel Minho, apprezzate il paesaggio e tutte le altre ricchezze della regione, come la cultura o la succulenta gastronomia, nella quale spiccano il “caldo verde” una zuppa a base di cavolo tritato, patate, aglio, cipolla e olio-, la lampreda, lalosa, il baccalà, la trota al prosciutto, il “serrabulho” (zuppa a base di carne e sangue), i rognoni, lo stinco di porco alla Clara Penha e il vino verde della regione.

Pernottate una notte in una delle molte ville rurali (“solar”) della regione e vivete unesperienza unica. Le case antiche e rustiche, le cascine e le tenute del Minho adattate per fini turistici offrono un servizio di qualità, che va di pari passo con la tradizione, la storia e la salvaguardia del patrimonio culturale. Sono unità di turismo abitativo, rurale o agrituristico, dotate di tutti i confort affinché possiate riposarvi dopo tanta avventura.

Come arrivare

Per raggiungere Porto ci sono voli low cost da Milano (Orio al Serio), Roma e Bologna; e poi dalle principali città e capitali europee: Londra (Stansted e Gatwick), Parigi (Beauvais, Orly, Vatry e Charles de Gaulle), Marsiglia, Lilla, Tours, St. Etienne, Bordeaux, Lione, Tolosa, Madrid, Barcellona El Prat, Tenerife, Valencia e Palma di Maiorca.

Soltanto in estate, vi sono voli low cost anche da Liverpool, Las Palmas, Carcassona, Rodi e Nantes.

A prezzi normali, vi sono collegamenti aerei a partire da Londra Gatwick, Madrid, Barcellona e Parigi Orly.

Dallaeroporto Internazionale Francisco Sá Carneiro, la metropolitana è il miglior modo di raggiungere il centro città. Il viaggio dura poco meno di 30 minuti.

Per Viana do Castelo, che si trova a 60 Km dallaeroporto di Porto, prendete la A28/IC1 o la EN13. Per Caminha e per la Sera dArga, continuate sulla A28/IC1. Per Ponte de Lima, una volta arrivati a Viana do Castelo, proseguite sulla A27. Per il Gerês, prendete la A3 fino a Braga e poi continuate su strade nazionali.

Be inspired

Choose your journey, find new places, have some fun and create memories for a lifetime.

Maggiori informazioni

Articoli correlati

Ci sono ottime ragioni per visitare Guimarães!

Maggiori informazioni

Three days of water adventures in the north

Maggiori informazioni