Minho devoto

La fede religiosa è responsabile del fascino di molti monumenti, degli usi e dei costumi e di parte dell’artigianato del Minho, una terra di genti devote.  

Associação de Turismo do Porto CC BY-NC-SA

Associação de Turismo do Porto CC BY-NC-SA

Associação de Turismo do Porto CC BY-NC-SA

Associação de Turismo do Porto CC BY-NC-SA

 
 
 
 

La religione cattolica è presente in modo evidente nel patrimonio storico e architettonico della regione, che potete visitare in ogni periodo dellanno. Inoltre, vi sono eventi religiosi che mettono in risalto il misticismo del luogo. Dalla settimana Santa di Braga alle feste di Nostra Signora dellAgonia, a Viana do Castelo, passando per le Feste Gualteriane, a Guimarães, certamente non mancano occasioni di festa nel Minho, dove la gastronomia e il carattere genuino delle persone fanno il resto.

Perché andare

  • Per i ristoranti
  • Per il patrimonio
  • Per la storia
  • Per la gastronomia e i vini
  • Per fare acquisti
  • Per il patrimonio religioso 

La “Roma portoghese”

Visitate Braga a Pasqua, salite al Santuario del Buon Gesù del Monte luogo magnifico in cui si uniscono lopera delluomo e della natura- e assistete alle celebrazioni della Settimana Santa, che hanno luogo nella “Roma Portoghese” fin dal Medioevo.

Durante questo periodo di feste, la città si trasforma e attrae migliaia di visitatori. In tutta la città, ci sono decorazioni con motivi che alludono alla Pasqua e altari votivi, decorati con fiori e luminarie.

Fanno parte del programma religioso, per esempio, la processione della Sepoltura del Signore, che percorre tutto il centro storico, e la processione Teoforica, che ha luogo nella più antica e maestosa cattedrale portoghese. In una di queste, uomini scalzi e incappucciati i “Farricocos”- , vestiti con tuniche rosse, sfilano con delle torce, evocando così le penitenze pubbliche in voga fino al sec. XVI.

Braga celebra anche la festa di San Giovanni, che risale al sec.XV. La festa comincia alla vigilia, il 23, alle nove, e comprende processioni, folclore, “martelinhos”, porro e vasi di “manjerico”. È dobbligo visitare i pannelli biblici sulle rive del fiume Este e mangiare sardine al forno con peperoni e “broa” o baccalà cotto nella brace.

Per concludere, lultimo fine settimana di maggio val la pena assistere allevento “Rivivere Bracara Augusta”, una fedele ricostruzione della vita quotidiana durante loccupazione romana, nel centro storico della città. Il mercato dellepoca, gli accampamenti militari, i cortei e la gastronomia tradizionale sono i punti forti del programma, che include inoltre diversi spettacoli ed animazioni nelle vie cittadine.

In qualsiasi periodo dellanno, quando visitate Braga, provate, nei ristoranti della città, il famoso baccalà bacalhau à Braga”,il capretto al forno e il budino Abade de Priscos. E non lasciate la città senza portare con voi le rinomate frittelle (“frigideiras”) ed aver comperato, in pasticceria, il “pão-de-ló”, i “fidalguinhos” e le “talassas”.

Ti piacerà

  • La gastronomia del Minho. La cucina della regione è considerata una delle migliori del Portogallo.
  • Assistere alla processione, in mare e sul fiume, che i pescatori dedicano alla Signora dellAgonia, in centinaia di piccole imbarcazioni da pesca e barche turistiche.

 

Le preghiere dei pescatori

In Agosto, gli itinerari di devozione vi conducono a Viana do Castelo e alla Sagra di Nostra Signora dellAgonia. La festa, risalente al 1772, ha luogo il 20 e nel fine settimana successivo. È dal secolo XVIII che i pescatori si rivolgono alla Vergine perché gli conceda un mare calmo, ma in realtà la prima processione della Signora dellAgonia al mare ha avuto luogo nel 1968.

Nella festa in costume, che ebbe inizio nel giardino pubblico nel 1931, belle ragazze e ragazzi vestono i ricchi e colorati costumi tradizionali ed è possibile apprezzare i bellissimi vestiti da sposa, da domestica e da lavandaia, così come i preziosi ornamenti in filigrana, conosciuti come gli “Ori di Viana”. Il corteo etnografico, le sfilate dei gigantones (pupazzi tipici) e la grandiosa Serenata di fuochi dartificio completano il programma.

Per quanto grande possa essere il trambusto, trovate il modo di visitare il Santuario del Monte di Santa Lucia. Limponente Basilica di Santa Lucia, che sovrasta la città, cominciò ad essere costruita nel 1903 e rimase inconclusa fino al 1943. La vista è assolutamente imperdibile.

A tavola, sarebbe peccato lasciarvi sfuggire il riso tipico, “arroz de galo de pé descalço”, detto anche pica no chão”, i rognoni alla moda del Minho, il riso con polpo alla moda del Minho e il baccalà cucinato nei vari modi: à Margarida da Praça, à Gil Eannes, à Zé do Pipo” o “à Camelo”.

Città culla

Nella città culla del Portogallo, Guimarães, la prima domenica di luglio, potete assistere alla Grande Sagra di S.Torcato. I cortei allegorici che sfilano per la città rappresentano scene della vita del Santo.

Nella città, che è Capitale Europea della cultura nel 2012, le Feste Gualteriane, in estate, sono un altro punto di spicco del calendario religioso. La processione in onore di San Gualtiero è uno degli eventi di rilievo.

Visitate il Santuario di Nostra Signora della Penha, in cima alla Serra de Santa Catarina, a 617 metri di altezza. La cappella è stata costruita nel 1652 e successivamente, nel 1727, venne annessa al vicino Convento dellImmacolata Concezione. Il culto di Nostra Signora di Penha porta in visita al santuario, ogni anno, più di un milione di persone.

Cosa devi sapere

  • Cè una funivia che collega il centro di Guimarães e Penha.
  • La settimana Santa di Braga attira migliaia di visitatori. Prenotate lalloggio in anticipo e pianificate per tempo la vostra visita.

 

Cè dellaltro

A Barcelos, il 3 maggio è consacrato al Signore delle Croci ed è giorno festivo. È unaltra delle grandi sagre del Minho ed è il ritratto autentico della città.

Le origini della festa delle Croci risalgono al secolo XVI e al miracolo delle croci. La sagra, che fino al sec.XX ha conservato carattere puramente religioso, oggi ospita anche artigianato, tappeti floreali, musica popolare e i Zés Preiras, con i loro tamburi e cornamuse.

Molte le prelibatezze gastronomiche da assaggiare: la “papa de sarrabulho” (piatto a base di carne e sangue), il gallo al forno, il polipo cotto nella brace, i “sonhos” e le “queijadinhas”. Portate via, per ricordo, ceramiche e statuine in terracotta. Non è un caso che Barcelos sia conosciuta come la capitale dellartigianato.

Cosa fare

  • Visitate il mercato di Barcelos, che si svolge ogni giovedì ed è uno dei più animati e colorati di tutto il Portogallo.
  • Pernottate in una agriturismo dove si produce vino verde ed imparate a cucinare una delle molte prelibatezze locali. 

Come arrivare

Per raggiungere Porto ci sono voli low cost da Milano (Orio al Serio), Roma e Bologna; e poi dalle principali città e capitali europee: Londra (Stansted e Gatwick), Parigi (Beauvais, Orly, Vatry e Charles de Gaulle), Marsiglia, Lilla, Tours, St. Etienne, Bordeaux, Lione, Tolosa, Madrid, Barcellona El Prat, Tenerife, Valencia e Palma di Maiorca.

Soltanto in estate, vi sono voli low cost anche da Liverpool, Las Palmas, Carcassona, Rodi e Nantes.

A prezzi normali, vi sono collegamenti aerei a partire da Londra Gatwick, Madrid, Barcellona e Parigi Orly.

Dallaeroporto Internazionale Francisco Sá Carneiro, la metropolitana è il miglior modo di raggiungere il centro città. Il viaggio dura poco meno di 30 minuti.

Per Viana di Castelo, che si trova a 60 Km dallAeroporto di Porto, prendete la A28/IC1 o la EN13. In circa 30 minuti si arriva a Guimarães, seguendo lautostrada A7 e lA3. Per andare a Barcelos, prendete la A28 e la A11 o la A3 e poi la A11. La A3 vi porta anche a Braga.

Be inspired

Choose your journey, find new places, have some fun and create memories for a lifetime.

Maggiori informazioni

Articoli correlati

Minho avventuroso

Maggiori informazioni

Ci sono ottime ragioni per visitare Guimarães!

Maggiori informazioni

The Portuguese Road to Santiago

Maggiori informazioni