Musei e monumenti nel nord del Portogallo

La storia della regione settentrionale del Portogallo è ricca di monumenti unici: dai resti romani ai meravigliosi edifici contemporanei, capolavori dell’architettura. I musei della zona vi offriranno uno sguardo più profondo sulla storia e sulla cultura di una regione rispettosa del suo passato. 

CC BY-NC-ND - Fundação de Serralves

CC BY-NC-ND - Associação de Turismo do Porto e Norte, AR

CC BY-NC-ND - José Paulo Ruas

CC BY-NC-ND - José Paulo Ruas

 
 
 
 

Nel centro storico della città di Porto, considerato patrimonio mondiale dell’umanità, è impossibile restare indifferenti ai monumenti che si presentano in modo sorprendente ai vostri occhi. Come non notare, in Praça da Ribeira, il Ponte D. Luís I, esempio dell'architettura del ferro che unisce le sponde del fiume Douro? Se pensate che questa costruzione in ferro ve ne possa ricordare una più famosa, non si tratta di una coincidenza. Il ponte, infatti, è stato progettato da Teófilo Seyrig, discepolo di Eiffel. Godetevi gli eleganti edifici e il granito tipico della Ribeira e andate a esplorare le sue strette viuzze o, se preferite, continuate la passeggiata vicino al fiume fino alla Praça do Cubo. Sapevate che in passato la città di Porto era circondata da una muraglia? Costruita nel XV secolo, questa è l'unica parte della muraglia che si è conservata fino ai giorni nostri. Dal Postigo do Carvão venivano effettuati i collegamenti tra le barche ormeggiate nel fiume e la rua Fonte Taurina, una delle vie più antiche della città.

Ancora in prossimità del fiume, è possibile visitare la Casa do Infante/Archivio Comunale, dove si pensa sia nato l'Infante D. Henrique, il promotore delle esplorazioni portoghesi. Nella Casa do Infante è anche possibile visitare i resti dell'occupazione romana e un modello che riproduce la città di Porto nel Medioevo.

Pochi passi più in su si trovano due gioielli della città di Porto: la Chiesa di São Francisco e il Palácio da Bolsa. La chiesa ha origine nel XIII secolo, ma ha subito diverse modifiche, in particolare l'introduzione di decorazioni in legno dorato ed elementi rococò. Non c'è modo di restare indifferenti di fronte ad una chiesa i cui interni sono completamente rivestiti d'oro.

Il Palácio da Bolsa si trova accanto alla Chiesa di São Francisco ed è stato ultimato all'inizio del secolo XX. È stato costruito a partire dalle rovine dell'antico chiostro del Convento di São Francisco, dall'Associazione Commerciale di Porto. Vale la pena fare una visita guidata al Palazzo e godersi il suo lussuoso Salone Arabo.

Una breve passeggiata di circa 10 minuti separa il Palácio da Bolsa dalla Cattedrale e permette di ammirare la storia di Porto ad ogni angolo: l'antico Mercato Ferreira Borges, esempio dell'architettura del ferro, il convento di São Domingos di origine gotica e la stazione di São Bento, il cui atrio è famoso per i suoi pannelli di azulejos, le tipiche piastrelle, che raffigurano alcuni momenti della Storia del Portogallo. Una volta arrivati alla Cattedrale, vale la pena di entrare e contemplare i suoi tratti barocchi. Nel largo della Cattedrale, prendetevi qualche minuto per osservare l'imponente edificio del Paço Episcopal costruito da Niccolò Nasoni - architetto italiano stabilitosi nella città di Porto, dove ha progettato il simbolo cittadino, la Torre dos Clérigos.

La Torre e la chiesa dos Clérigos meritano anch'esse una visita e, se siete in buone condizioni fisiche, potete salire fino in cima alla Torre e condividere con le sue campane la vista sulla città.

Lasciate il trambusto delle strade ed entrate nel Centro Portoghese di Fotografia, a due passi dalla Torre dos Clérigos. Qui potete visitare delle mostre temporanee di fotografia e l’esposizione permanente di macchine e materiale fotografico dal XIX secolo ad oggi. Una curiosità è che l'edificio che accoglie il Centro Portoghese di Fotografia è stato utilizzato come carcere fino al 1974.

Uno dei musei più importanti della città è il Museu Nacional Soares dos Reis, che contiene gran parte delle opere dello scultore locale che dà nome al museo. Apprezzate con calma la scultura "O Desterrado", l'opera più famosa dello scultore, così come le collezioni di arti decorative e pittura. Se vi piace l'arte contemporanea, visitate il Museo di Arte Contemporanea nella Fundação de Serralves. Questo museo vanta un programma di mostre temporanee di artisti nazionali e internazionali. Nel parco della Fondazione, approfittate per visitare la Casa de Serralves, massimo esempio dello stile art deco in città, che ospita anche delle mostre.

Fuori dalla città di Porto, potete anche visitare il museo municipale Amadeo de Souza Cardoso, ad Amarante. In questo museo è presente arte portoghese moderna e contemporanea, tra cui spiccano alcuni artisti delle avanguardie del XX secolo, come Amadeo de Souza Cardoso, Júlio Resende o Vieira da Silva.

Merita una visita anche il museo di Archeologia D. Diogo de Sousa, a Braga, con un vasto repertorio di resti romani, il Museu do Traje di Viana do Castelo, che divulga le tradizioni e gli abiti tipici della città e della regione del Minho e pure il Museu do Douro, situato a Peso da Régua che permette di capire la storia della regione e la sua tradizione vitivinicola.

Tradizione religiosa

Nella regione del Minho sono numerosissimi i monumenti e i musei legati alla religione. Braga, una delle città più antiche del Portogallo e del mondo cristiano, è il massimo esempio di questa cultura di devozione, responsabile di alcuni dei più imponenti edifici religiosi del paese. La visita alla Cattedrale, al Tesouro-Museu da Sé di Braga e al Paço Episcopal è imperdibile.

Se desiderate allontanarvi un po' dal centro della città, salite fino al Santuario di Bom Jesus do Monte dove, oltre ad ammirare la cultura religiosa, potrete godervi la vista sulla città di Braga. A circa 6 chilometri da Braga, si trova il Monastero di Tibães, costruito nel XVII secolo e uno dei più grandi del paese. Perdetevi nei quattro chiostri e sorprendetevi con le sue lussuose decorazioni. Sulla costa della regione del Minho, più precisamente a Viana do Castelo, visitate la Basilica di Santa Luzia, ispirata alla Basilica parigina del Sacré Coeur.

Nel Parco Nazionale Peneda-Gerês, visitate il Santuario da Senhora da Peneda e mettetevi alla prova salendo la sua scalinata monumentale che permette di visitare 20 piccole cappelle raffiguranti episodi della vita di Gesù. Nella regione di Trás-os-Montes, suggeriamo di salire fin sulla cima del Monte Farinha, a Mondim de Basto (provincia di Vila Real), dove si trova il Santuario Nossa Senhora da Graça e un paesaggio mozzafiato sulle montagne della regione.

Altrimenti, è possibile visitare il Santuario di Nossa Senhora dos Remédios, a Lamego. Si tratta di 686 scalini da percorrere su una scalinata barocca, lungo la quale potrete ammirare il granito e gli azulejos tipiche della regione di Trás-os-Montes. A poco più di 10 chilometri, a Tarouca, si trova il Monastero di São João, costruito nel XII secolo. Si tratta del primo monastero fondato dall'Ordine Cistercense in Portogallo.

Se apprezzate l'architettura contemporanea, potete anche visitare la Chiesa di Santa Maria a Marco de Canavezes: è stata progettata da Siza Vieira, architetto portoghese vincitore del premio Pritzker.

Come un re

Nel nord del Portogallo la maggior parte dei castelli si trova vicino al confine con la Spagna, in quanto fungeva da protezione per la popolazione contro i popoli invasori. Bragança, nella regione di Trás-os-Montes, conserva il castello e la cittadella medievale, dove spicca la gigantesca Torre de Menagem. Questa Torre è utilizzata pure come museo militare che racconta la storia del castello ed espone armi di piccolo calibro risalenti dal XII secolo alla Prima Guerra Mondiale. Percorrendo tutta la frontiera della regione di Trás-os-Montes, troverete altri castelli, di cui alcuni esempi sono Miranda do Douro, Mogadouro, Freixo de Espada à Cinta e Numão (situato nel Parco Archeologico di Vale do Côa, in cui è possibile visitare pitture rupestri).

Ancora nella regione di Trás-os-Montes, più precisamente nel comune di Vila Real, potrete visitare il Palácio de Mateus. Questo palazzo è stato progettato da Niccolò Nasoni ed è uno dei massimi esponenti dell'architettura civile barocca in Portogallo. Tuttavia, esso è diventato famoso in tutto il mondo poiché appare nell'etichetta della marca di vini portoghese più riconosciuta internazionalmente, il Mateus Rosé.

Così come la regione di Trás-os-Montes, anche il Minho possiede castelli un tempo utilizzati per difendere i confini portoghesi. Visitate il castello di Vila Nova de Cerveira con vista sul fiume Minho e poi proseguite fino al Parco Divertimenti di Castelinho, sulle rive del fiume e visitate il Museo Acquatico del fiume Minho, dove potrete conoscere meglio la fauna e la flora che popolano il fiume. Se vi trovate in città nel periodo della biennale di arti plastiche (realizzata ogni due anni), potrete apprezzare opere d'arte contemporanea di artisti nazionali e internazionali.

Proseguendo verso l'entroterra, la prossima tappa è il castello di Melgaço. Costruito nel XII secolo, proprio sulla riva del fiume Minho, serviva per vigilare la traversata tra il Portogallo e la regione spagnola della Galizia. Nel centro storico di Melgaço, visitate il Solar do Alvarinho, dove potrete assaporare il vino prodotto a partire dal vitigno omonimo, coltivato su larga scala in questa regione.

Il vino Alvarinho è strettamente legato al Palácio da Brejoeira, situato nel comune di Monção. Questo palazzo del XIX secolo ha aperto recentemente le sue porte al pubblico e permette anche le visite ai giardini e al bosco, ai vigneti e alla cantina. Infine, terminate con la degustazione del tipico vino Alvarinho della regione.

Lasciate la regione dell'Alto Minho e dirigetevi a Guimarães (a circa 110 km), dove si trova il più famoso castello portoghese. Il castello di Guimarães è strettamente legato alla storia militare della fondazione del Portogallo ed è stato teatro di numerose battaglie tra D. Afonso Henriques (primo re portoghese) e le truppe di Castiglia. Terminate la visita con il Paço dos Duques di Bragança, che serviva come residenza per la casa reale portoghese e oggi presenta una collezione di mobili, armi e arazzi ed ospita anche un piccolo museo di arte contemporanea.

Pernottate nella Pousada de Santa Marinha da Costa, edificio imponente nel paesaggio del Monte da Penha, che utilizza le strutture recuperate da un monastero del XII secolo.

Come arrivare

Esistono vari collegamenti diretti per Porto. Se optate per una compagnia low cost, ci sono rotte da Londra (Stansted e Gatwick), Birmingham, Parigi (Beauvais, Orly, Vatry e Charles de Gaulle), Marsiglia, Dole, Lilla, Strasburgo, Tours, St. Etienne, Bordeaux, Lione, Nantes, Madrid, Barcellona El Prat, Valencia, Milano Bergamo, Roma Ciampino, Bruxelles (Charleroi e Zaventem), Eindhoven, Maastricht, Amsterdam, Ginevra, Basilea/Mulhouse, Dortmund, Francoforte Hahn, Karlsruhe Baden, Norimberga, Amburgo Lubecca, Monaco Memmingen e Dusseldorf Weeze.

Nel periodo estivo, alcune low cost volano da Liverpool, Dublino, Bologna, Tolosa, Clermont Ferrand, Carcassonne, La Rochelle, Limoges, Rennes, Las Palmas, Palma di Maiorca, Tenerife e Brema.

Con le compagnie tradizionali, invece, si può raggiungere Porto partendo da Londra (Gatwick e Heathrow), Madrid, Barcellona, Monaco di Baviera, Francoforte, Parigi Orly, Caracas, Ginevra, Lussemburgo, Amsterdam, Milano Malpensa, Zurigo, New York, San Paolo, Rio de Janeiro, Bruxelles Zaventem, Roma Fiumicino, Toronto e Luanda. In estate, infine, sono attive rotte da Montreal, Brest e Brive.

Una volta arrivati all’Aeroporto Internazionale Francisco Sá Carneiro prendete la metropolitana: la linea E vi lascerà in centro in appena 30 minuti.

Potete visitare la regione del Minho utilizzando la rete stradale a partire da Porto: prendete la A3 per Vila Nova de Cerveira, Melgaço e Monção e la A7 per Guimarães. Per dirigersi verso Trás-os-Montes, invece, è necessario imboccare la A4. In alternativa, potrete optare per un treno in centro a Porto: prendete la metropolitana fino alla stazione di Campanhã e, da lì, proseguite in treno. Ci sono infine diversi autobus che dal centro effettuano il collegamento verso le altre città del Nord.

Be inspired

Choose your journey, find new places, have some fun and create memories for a lifetime.

Maggiori informazioni

Articoli correlati

The mysteries of Palaeolithic art of the Archaeological park of Vale do Côa

Maggiori informazioni

Archaeology in the north of Portugal

Maggiori informazioni

Baroque treasures in Porto and the North of Portugal

Maggiori informazioni